Come Costruire un Impianto Fotovoltaico Fai da Te

La guida più completa su come costruire un impianto fotovoltaico fai da te partendo da zero. Tante foto e video ti guideranno passo passo in ogni fase!

Link sponsorizzati

In questa guida ti spiegherò come costruire da zero un impianto fotovoltaico fai da te completo, sicuro ed efficiente.

Vuoi costruire da solo un tuo impianto fotovoltaico fai da te per la roulotte, barca o casa?   Non vuoi pagare migliaia di euro per un impianto fotovoltaico?

Sei allora nel posto giusto, qui ti mostrerò come costruire un impianto fotovoltaico fai da te completo, efficiente, sicuro, e soprattutto economico.

In questa pagina ho raccolto e ordinato tutto ciò di cui avrai bisogno per realizzare un impianto fotovoltaico fai da te efficiente che produrrà energia elettrica con cui potrai alimentare ecologicamente tutti i tuoi dispositivi.

La realizzazione di un impianto fotovoltaico domestico non è mai stata così semplice!

Obiettivo

obiettivo guida per costruzione impianto fotovoltaico fai da te

L’obiettivo di questa guida è offrirti tutto il mio bagaglio di esperienze acquisite nel tempo sia cercando di selezionare il meglio che c’è in rete, sia auto-costruendo sul campo diversi impianti fotovoltaici per uso domestico.

L’obiettivo finale sarà quello di darti tutte le informazioni utili per permetterti di creare da solo il tuo primo impianto fotovoltaico fai da te con il minimo sforzo e tempo, senza compiere errori dovuti ad inesperienza, ma soprattutto di realizzare il tutto con il minimo investimento in denaro.

Anche se non hai molte conoscenze tecniche non ti preoccupare, ti seguirò passo passo sia tramite guide ricche di immagini che video correlati, inoltre potrai sempre interagire con me tramite il box dei commenti qui sotto, o per email: info @ ecoglobo.it

Produrrai energia pulita,

riciclerai materiali,

 il tutto divertendoti!

 

Link sponsorizzati


A chi è rivolta questa guida?

Questa guida è rivolta a tutte le persone che amano creare oggetti di ogni tipo, a tutti quelli che desiderano andare a fondo alle cose, cercando di capirne il funzionamento, agli hobbisti che amano costruire oggetti sulla base delle loro esigenze specifiche.

A tutte quelle persone che credono nelle energie pulite e rinnovabili, e che vogliono risparmiare soldi sull’acquisto di un impianto già pronto.

Per tutte le persone che amano viaggiare in barca a vela, in camper, o semplicemente a piedi in escursioni in montagna e che hanno l’esigenza di avere una fonte di energia pulita per alimentare i loro cellulari fotocamere e dispositivi elettronici.

A tutte le persone che amano il riciclo, vedremo che anche le celle fotovoltaiche che utilizzeremo saranno frutto di riciclo di scarti di fabbricazione.

Per tutte le persone che vorrebbero alimentare i propri computer, stampanti, modem, router, cellulari e tablet con l’energia solare.

Infine, a tutte le persone dotate di un minimo di manualità interessate a costruirsi da soli cose per risparmiare soldi ed allo stesso tempo avere la soddisfazione di possedere un oggetto di propria creazione in cui spesso si è dato un proprio contributo con idee originali e talvolta geniali.

 

Avvertenza

Non mi assumo alcuna responsabilità sui danni causati a persone o cose derivanti dalla lettura ed applicazione di questa guida, né dei relativi link in essa presenti.

 

Schema Impianto Fotovoltaico Fai da Te

schema componenti impianto fotovoltaico
Schema Impianto Fotovoltaico Off Grid

Qui sopra ho riportato un semplice schema dell’impianto fotovoltaico fai da te che costruiremo insieme. Esso si compone di 4 elementi fondamentali:

  • il pannello fotovoltaico
  • la batteria
  • il regolatore di carica
  • l’inverter

Di seguito ti ho riportato un indice generale in cui ho raccolto ordinatamente e spero nel modo più chiaro possibile le fasi necessarie per la costruzione di un impianto fotovoltaico fai da te completo.

Cliccando su ogni fase sarai portato sul relativo articolo in cui ti mostro passo passo ogni singolo aspetto costruttivo.

Ti consiglio quindi di lasciare sempre aperta questa pagina, o meglio di salvarla tra i tuoi preferiti in modo da avere sempre un quadro generale di riferimento.

Dimensionamento Impianto Fotovoltaico Fai da Te

Questa è un’area molto importante, grazie alla quale capirai di quanti Watt effettivi avrai veramente bisogno per soddisfare il tuo fabbisogno energetico. Così facendo, costruirai il numero corretto di pannelli, risparmiando sull’acquisto di un numero eccessivo di moduli fotovoltaici.

Come  Costruire un Pannello Fotovoltaico Fai da Te

Questa è una sezione fondamentale in cui ti accompagnerò nella costruzione di un pannello fotovoltaico da zero. Ecco sinteticamente i punti trattati:

Link sponsorizzati

      •  cosa sono le celle fotovoltaiche
      • classificazione delle celle fotovoltaiche
      • certicifazione dei moduli fotovoltaici
      • la qualità delle celle fotovoltaiche
      • dove comprare le celle fotovoltaiche?
      • come costruire un pannello fotovoltaico fai da te

Come Collegare più Pannelli Fotovoltaici 

consigli e suggerimenti su come collegare diversi pannelli solari fotovoltaici Nella guida precedente ti ho mostrato come creare un pannello fotovoltaico fai da te, ora è arrivato il momento di capire come possiamo collegare più pannelli solari assieme se abbiamo bisogno di una maggiore potenza. In questa sezione troverai tutti i vantaggi e gli svantaggirelativi ai diversi tipi di collegamenti.

Come Scegliere la Batteria per l’Impianto Fotovoltaico Fai da Te

guida all'acquisto di batterie per l'impianto fotovoltaico off grid

Facciamo chiarezza sui principali tipi di batterie per il fotovoltaico, ti accompagnerò nella scelta delle batterie più indicate ed efficienti per il tuo impianto fotovoltaico fai da te.

Come Collegare più Batterie

guida al collegamento batterie nell'impianto fotovoltaico off grid

Come per i pannelli fotovoltaici, anche le batterie di accumulo possono essere collegate in diversi modi, qui vorrei mostrarti i principali collegamenti con i loro vantaggi e svantaggi.

Come Scegliere il Regolatore di Carica Fotovoltaico

Il regolatore di carica è un componente fondamentale per il tuo impianto fotovoltaico domestico. Grazie al regolatore di carica sarà possibile ricaricare in tutta sicurezza ed efficienza le batterie del tuo impianto. In questa sezione troverai tutte le informazioni utili per capire quale tipo di regolatore di carica acquistare sulla base della potenza del tuo impianto.

Come Scegliere l’Inverter

quale inverter scegliere: guida all'acquisto

Qui vedremo insieme come scegliere l’inverter più adatto per il nostro impianto fotovoltaico. Ho inserito alcuni semplici schemi con cui cercherò di guidarti nella comprensione di questo importante componente. Troverai tanti consigli in modo da orientarti ed acquistare con sicurezza e consapevolezza.

Come Dimensionare la sezione dei Cavi Elettrici

I cavi elettrici non sono tutti uguali, si differenziano per sezione, ossia hanno più o meno fili di rame passanti al loro interno. In questo breve ma importante articolo ai fini della sicurezza del vostro nuovo impianto fotovoltaico fai da te ti spiegherò come scegliere e dimensionare i cavi elettrici sulla base della potenza sviluppata dall’impianto solare. Leggendo questo prezioso articolo scoprirete indirettamente come aumentare l’efficienza dell’impianto fotovoltaico.

Colleghiamo e proviamo il nostro impianto!

uniamo insieme tutti gli elementi del nostro primo impianto fotovoltaico e verifichiamo sul campo il buon funzionamento

In quest’area ho creato alcuni video e foto che mostrano come collegare in pratica tutti i componenti del nostro impianto fotovoltaico fai da te. Ti farò vedere inoltre, come testare il corretto funzionamento del tuo nuovo impianto fotovoltaico.

PAGINA IN CONTINUO AGGIORNAMENTO…. 🙂

Nota: Questa pagina è in continuo aggiornamento, sia tramite i vostri commenti, email, facebook e twitter, sia tramite i nuovi esperimenti e prove che eseguo.

Link sponsorizzati

L’invito quindi è quello di scrivermi liberamente le tue critiche, consigli e suggerimenti per aumentare sempre di più la qualità delle informazioni qui presenti che ho raccolto dopo mesi di ricerche e sperimentazioni nella costruzione di pannelli di vario genere.

Spero di poterti aiutare in caso avessi problemi o dubbi in qualsiasi punto nella costruzione del tuo primo impianto fotovoltaico fai da te.

Ti auguro tutto  il Sole possibile

per il tuo nuovo

impianto fotovoltaico fai da te!

 

Buona costruzione!

© Riproduzione riservata

Link sponsorizzati

Giorgio

Sono un giovane ingegnere romano di 37 anni, con una grande passione per la tecnologia. In questi ultimi anni mi sono avvicinato ad uno stile di vita più "green". Su questo blog troverai il meglio delle tecnologie eco sostenibili, e moltissimi suggerimenti su come risparmiare energia in casa, al lavoro... ed in questi ultimi anni ho sentito il bisogno naturale di avvicinarmi verso stili di vita più “green”.


Articoli selezionati per te:

Link sponsorizzati

83 commenti su “Come Costruire un Impianto Fotovoltaico Fai da Te”

  1. Buongiorno mi chiamo Fabiano Vanin e avrei bisogno di una informazione.Nella casa di montagna ho piccolo impianto fotovoltaico con un pannello da 55w,un regolatore Steca da 15A e una batteria da 200AH.In questi giorni un’amico mi ha regalato un pannello policristallino preso ad un fallimento senza etichetta,è un 60 celle con tensione a vuoto di circa 22V.Volevo sapere se posso collegarlo in parallelo con il primo?E chiaramente se si dovrei cambiare il regolatore di carica e quale sarebbe quello giusto?Cordiali saluti Fabiano Vanin.

    Rispondi
  2. COMPLIMENTI ….!!!
    SALVE, per un piccolo impianto a isola
    ho 12 pannelli 235w canadian solar 12/24v….delle batterie Fiamm 12v 100Ah….devo decidere per un INVERTER …..ed non sono ancora deciso cosa devo mettere…???
    Grazie !

    Rispondi
  3. Gentile ing. sig. Girogio o Ecoglobo , semplicemente a me servirebbero 1000 w di sera per almeno 4-5 ore per una stufetta da 900w “purtroppo il calore dei clima nn piace ne a mia suocera ne a mia figlia” e qualche lavaggio durante il giorno a bassa temperatura max 30°, questi sono i due elettrodomestici piu’ usati in casa e mi accontenterei di abbattere la bolletta anche di un 30-40%, che batteria dovrei usare? oppure se gentilmente mi darebbe un consiglio direttamente su tutto il materiale da acquistare, spero in una sua risposta e la ringrazio anticipatamente.P.s. vivo al sud “calabria”e di sole ce ne abbastanza.

    Rispondi
  4. qualcuno che mi può meglio consigliare, ripeto la domanda fatta già qualche giorno fa: ” è possibile collegare la batteria ai poli dove c’è il simbolo della lampadina sul regolatore di carica? Inoltre un pannello solare da 100 watt riuscirebbe a caricare una batteria di camion da 215 A….” Grazie

    Rispondi
  5. Ciao, sono già proprietario di un impianto fotovoltaico di 4 kw, ed ho il conto energia, vorrei tanto installare a casa un impianto di accumulo di energia, parto da zero, molti mi dicono di farmelo da solo, ho fatto fare qualche preventivo in giro, il minimo che ho trovato di 9000,00 €, molti mi dicono di farmelo da solo, comprando le batterie ecc ecc, mi sapreste dare una dritta su questo discorso, sono disposto a studiare ed imparare su questo sistema.

    Rispondi
  6. Salve, avrei una domanda forse stupida, mi sto informando solo ultimamente riguardo una possibile realizzazione di un piccolo impianto fotovoltaico fai da te e ne capisco ancora poco. Quello che non mi è chiaro è questo: volendo utilizzare un paio di pannelli da 300W cad. a 24V (ventiquattro)…devo per forza collegare le batterie in serie per avere 24V oppure posso farle tranquillamente lavorare in parallelo a 12V? Per me è più importante raddoppiare la corrente che la tensione! Grazie a chi avrà la pazienza di rispondermi. Saluti

    Rispondi
    • Se i pannelli sono tutti da 24 V allora sei costretto a collegarli in parallelo e le batterie a due a due in serie se sono da 12 V per fare in modo che la tensione sia UGUALE!
      Quando ho scrittto a due a due in serie intendo: prendi 2 batterie e le colleghi in serie poi le metti da parte, fai così per tutte le altre coppie e alla fine colleghi in parallelo una coppia con l’altra.

      Rispondi
  7. volevo chiedere: ho installato 4 pannelli da 250v con uscita di vc 37, un regolatore da12/24v in automatico 100a, inverter 3000w, 4 batterie 12v 100a. ho letto e visto lo schema del serie parallelo per le batterie, ma volevo chiedere, la tensione che scende dai pannelli di quanto deve essere per questo regolatore? io misuro che scende 67vc non danneggia il regolatore?
    grazie

    Rispondi
  8. Salve ho letto l’articolo di come costruire un fotovoltaico, fai da te. ma non vedo il LINCK, da scaricare! Potete inviarmelo xfav?

    Rispondi
  9. BB Tutto molto interessante, stò cercando di capire I regolatori di corrente hanno l’uscita a 12/24 volt l’entrata non è specificata, quindi vanno bene tutti i tipi di pannelli? Ogni tipo di pannello ha un voltaggio diverso quelli grandi fino a oltre 70 volt. Grazie per un tuo suggerimento – Bruno B.

    Rispondi
  10. Ciao Giorgio. Ti scrivo per chiederti aiuto.
    Sono in pensiero per il mio cane Baffo, che arrivato a 13 anni comincia ad avere l’artrite.
    Purtroppo non posso tenerlo in casa. Vorrei comprargli una cuccia termoriscaldata, ma dove dove lui ha la sua cuccia non arriva la corrente.
    Ho pensato ad un piccolo impianto fotovoltaico in grado di far funzionare una cuccia termoriscaldata.
    Non ho nessuna competenza in materia. Potresti farmi un elenco dei componenti da acquistare (ammesso che l’impianto non costi uno sproposito).
    Grazie in anticipo per la tua risposta.
    Paolo
    Roma
    cell 339 45 60 752

    Rispondi
  11. Ciao, sono Giovanni e volevo costruire un impianto fotovoltaico x casa mia. Volevo chiederti una prima informazione. Il tetto di casa mia è spiovente ed è rivolto verso NW. Il sole lo prendo di sicuro, io e mia moglie ci lamentiamo che abbiamo la casa tutto il giorno sotto il sole. Volevo solo capire se posso montare i pannelli sfruttando la pendenza del tetto, che ripeto è rivolto a NW o devo sollevare i pannelli rispetto al piano del tetto? Ah dimenticavo ti scrivo da Palermo

    Rispondi
  12. ciao,
    sto cercando di costruire un impianto ad isola per la mia baita. L’impianto dovrà fare funzionare per 3 giorni alla settimana:
    Illuminazione: 60Wh * 8h * 3g= 1440W
    Pompa pozzo: 125Wh * 1h * 3g = 375W
    Varie: ???Wh

    La mia intenzione è di fare un impianto fotovoltaico a 12 volt e collegare un generatore a benzina per le emergenze. Per questo ho creato un impianto luci a 12 volt mentre l’impianto della forza vorrei farlo funzionare a 220v collegando un inverter o per emergenze facendo partire un generatore a benzina.
    Al regolatore di carica vorrei collegare i pannelli , le batterie , ma vorrei collegare anche tramite un trasformatore l’energia prodotta da un generatore a benzina per le emergenze. E’ possibile secondo voi collegare al regolatore il generatore ? in questo caso il regolatore da subito energia all’impianto di illuminazione a 12V ed in più carica le batterie ?

    Ho visto vari kit su internet ma sono propenso ad acquistare il materiale da una azienda della mia città. Mi è stato proposto questo materiale:
    Modulo Fotovoltaico ( 2 pannelli da 120w)
    batterie (4 batterie al gel)
    Regolatore di carica
    Carica Batterie ( 2 caricabatterie)
    Inverter

    Secondo voi le scelte sono adeguate ?
    Ringrazio molto per eventuali consigli

    Modulo Fotovoltaico ( 2 pannelli da 120w)
    MF120EModulo fotovoltaico 120W
    Numero celle 32
    Tensione nominale 12V
    Potenza massima 120W
    Tolleranza +-3%
    Tensione a circuito aperto 20.3V
    Corrente di corto circuito 7.70A
    Tensione alla max potenza 16.50V
    Corrente alla max potenza 7.26A
    Dimensioni (mm) 1313 x 663 x 35
    Peso (Kg) 11

    batterie (4 batterie al gel)
    HZYEV-100Batteria al GEL 120Ah
    Tensione 12V
    Capacità C20 99 Ah
    Capacità C100 107 Ah
    Batteria avviamento C20 corrispondente 120 Ah
    Dimensioni max. poli compresi (mm) 310×170 h240
    Peso 29.3 Kg

    Carica Batterie ( 2 caricabatterie)
    CB516Carica batterie switching 250W
    DATI TECNICI
    Tensione nominale 230Vac +-10%
    Frequenza 50 Hz
    Potenza massima 250W
    Fusibile di protezione 2A (vetro 5×20)
    Interruttore sicurezza 230V
    DATI TECNICI DI USCITA
    Tensione massima (V) 14.3 (Pb-Gel)
    14.1 (Pb-Acido)
    Tensione mantenimento (V) 13.8 (Pb-Gel)
    13.5 (Pb-Acido)
    Corrente massima 16 A
    Linea di carico IUoU
    Selettore tipo batteria Pb-Acido / Pb-Gel
    Protez. corto circuito e inv. polarità 25A (lama)
    Protezione termica SI
    Segnale presenza rete 12V 50mA
    DATI TECNICI GENERALI
    Rendimento 86 %
    Temperatura ambiente 0 – 50°C
    Ventilazione Forzata, regolaz. automatica variabile
    Grado di protezione IP 30
    Collegamento rete Spina schuko
    Collegamento batteria Faston tipo 6,3
    Materiale contenitore Nylon+fibra di vetro, autoestinguente
    Dimensioni 180 x 140 h85
    Peso 1 Kg

    Regolatore di carica
    PRS240Regolatore di carica 240W
    IL REGOLATORE PER MODULI FOTOVOLTAICI PRS240 è adatto al collegamento di moduli fotovoltaici a 12V fino a una potenza massima complessiva di 240W ed è predisposto per il collegamento del pannello test PT542 necessario per il controllo della carica dei moduli fotovoltaici e della tensione di batteria.

    Il PRS240 è in grado di caricare batterie al piombo-gel o al piombo-acido utilizzando la linea di carica adeguata (selezionabile con il commutatore situato all’interno del regolatore), integra tutti i diodi necessari all’impianto fotovoltaico ed è inoltre dotato di 4 LED per la segnalazione di:

    Fase di ricarica della batteria con la massima corrente fino al raggiungimento della tensione di fine carica
    Fase di mantenimento a tensione costante
    Allarme in caso di collegamento elettrico errato
    Allarme fusibile di protezione interno guasto

    PT542Pannello test solare
    Pannello test per il controllo della tensione di batteria e della corrente erogata dal pannello solare, completo di cavo L=1,5m, distanziale per fissaggio a parete e cornice “MAC1P”.
    Adatto per regolatore mod. PRS240.
    Il pannello è abbinabile alla serie “MODULAR PLATES”.
    Dim. 60×60 mm.

    Inverter
    AK1000Inverter 12V/230V 1000W
    Onda sinusoidale modificata
    Protezione da sovratensione 15V, sottotensione 10V
    Protezione da sovraccarico
    Protezione termica
    Entrata da 10V a 15V
    Ucita 230V 50Hz-60Hz
    Ventola di raffreddamento intelligente
    Funzionamento silenzioso
    Accensione con pannello di comando remoto (optional)

    Modello Codice Potenza di spunto (W) Potenza continua (W)
    AK1000 215278 2400 1000

    Rispondi
  13. Buongiorno, posseggo un inverter da 2.200 watt lo alimento dalla batteria della macchina 100 ampere ci faccio funzionare 1 televisore 20”, 8 lampade basso consumo 20 w, un congelatore piccolo a pozzetto ed a volte 1 asciugacapelli ovviamente togliendo dalle prese tutti gli altri elettrodomestici e tenendo spente le lampadine, dato che l’inveter è collegato sulla batteria della macchina dopo qualche ora la butta giù e non fa partire l’auto, lasciandommi a piedi.
    Volelvo, gentilmente, sapere per far funzionare l’inverter tramite fotovoltico in maniera costante, cosa mi occorre? In modo da tenere sempre corrente e non rischiando di rimanere a piedi.
    Grazie per l’eventuale risposta.
    Cordiali saluti.

    Rispondi
  14. Ciao Giorno ho seguito il tuo videotutorial su Youtube su come creare un piccolo impianto fotovoltaico ho comprato tutto il materiale e assemblato nel modo corretto adesso o dei dubbi allora il primo e che a volte la luce del regolatore di carica si spegne e poi si riaccente e normale ? come batteria ho usato una di macchina da 40 ah e la ricarica e molto lenta non saprei se e la batteria o il regolatore di carica che non funziona bene ecco il kit che ho comprato

    Pannello 50 Watt 12 volt
    Regolatore di Carica 20a
    Inverter 300 Watt
    Batteria 40 Ah

    Rispondi
    • Ciao Accursio,
      mi fa piacere che il mio video ti abbia invogliato nella costruzione, allora veniamo ai tuoi dubbi:
      ci sono di solito 2 luci sui regolatori di carica:
      la prima indica lo stato della batteria(verde fissa in carica, verde lampeggiante batteria carica al 100%, rossa/arancione batteria scarica)
      la seconda se accesa indica che il pannello sta producendo energia, altrimentiè spenta

      Per cercare di capire il tuo problema dovresti dirmi quale delle 2 luci si tratta.

      Il fatto che trovi sia lenta la ricarica dipende da quante ore di sole colpiscono il pannello e dalla potenza dello stesso.
      Se per caso hai anche solo una delle celle rotte a metà, l’intero pannello produrrà metà della potenza poiché la corrente prodotta in uscita dal pannello é pari alla corrente minima erogata dalla cella a minor produzione di corrente.

      Quello che ti consiglio di fare è di mettere in pieno sole il pannello staccandolo dal regolatore, collegalo ad un carico qualsiasi come puó essere un motorino elettrico a 12V, e di verificare tramite un tester sia la tensione che la corrente in uscita dal pannello.

      Spero di averti chiarito alcuni tuoi dubbi.

      A presto
      Giorgio

      Rispondi
  15. P.S. mi è stato detto che ci vuole per forza un regolatore mppt vorrei esserne certo prima di acquistarne uno e se è così quale mi consigliate. Attento una vostra risposta GRAZIE

    Rispondi
  16. Salve, innanzitutto complimenti per il blog, volevo informazioni su un impianto fotovoltaico. Premetto che da persona ignorante ho comprato due pannelli amorfi da 105W con 105 volts di uscita, poi sono in possesso di un regolatore di carica 12/24 V da 30A tipo pmw. Vorrei sapere se è possibile sfruttarli installandoli su un camper. Grazie anticipatamente

    Rispondi
  17. ciao

    vorrei costruire una grossa fioriera in idrocoltura e deve far funzionare una pompa da acquario a 12V una volta al giorno per 20 minuti.
    vorrei metterla all’esterno e montare un pannello fotovoltaico.
    ho capito dai tui scritti che serve un regolatore di carica e un accumulatore, quindi un timer per azionare la pompa tutti i giorni 20 minuti.
    una pompa da acquari consuma veramente poco, immagino servirá un piccolo impianto.
    hai qualche consiglio in termini di dimensionamento del pannello e accumulatore?
    la pompa a cui pensavo è questa:
    http://www.amazon.it/CP40-1230-Pompetta-Fontana-Piscina-Brushless/dp/B00EC8AO20/ref=sr_1_3?ie=UTF8&qid=1406993664&sr=8-3&keywords=pompa+12v

    grazie

    ciao

    Roberto Martinelli

    Rispondi
  18. Ciao Giorgio,
    sono eleonora ho bisogno di sapere come posso fare ad alimentare 10 lampadine da 27w er il mio giardino che di notte ė molto buio e avendo paura dei ladri vorrei tenere accese tutta la notte. Vivendo a circa un cilometro dal mare di anzio posizionata in ottima esposizione, vorrei sapere di quanti pannelli avro’ bisogno e che tipo di regolatore di carica e di quante batterie e ovviamente anche che tipo di inverter usare?
    Spero tanto di poter ricevere queste notizie da te presto!! Grazie!!!

    Rispondi
  19. Ciao!!,
    Dato che sto realizzando un pannello da zero e fare che devo costruire la struttura volevo chiedervi se qualcuno sa’ lo spessore del pannello in plexiglass e lo spessore del policarbonato alveolare.

    Vi ringrazio!

    Rispondi
  20. Innanzi tutto vorrei ringraziarti x suggerimento.ritorno a te x un altro consiglio. io ho pannelli da 30 celle 6×3 da 0,55V,due in serie x un totale di otto in parallelo.adesso mi ritrovo celle 6×6 da 0,55V posso fare due pannelli in serie e collegarli in parallelo agli altri da 6×3? cordialmente Giorgio

    Rispondi
  21. ciao cortesemente vorrei sapere se posso mettere in un pannello fotovoltaico celle di diversa grandezza? (3×6 e 6×6) ma di uguale voltaggio perche mi ritrovo entrambe cordialmente Giorgio

    Rispondi
    • Ciao Giorgio,
      puoi farlo, ma sprecheresti quelle 6×6 che producono più corrente, infatti collegandole insieme a quelle da 3×6 avresti che il pannello avrebbe una corrente in uscita pari alla cella che eroga minor corrente, quindi diminuiresti la potenza del pannello.

      Spero di esserti stato di aiuto 😉
      A presto!

      Rispondi
  22. ciao, ti ringrazio di queste informazioni molto utili , volevo chiederti se conosci quei pannelli fotovoltaici che producono direttamente 220volt ,senza mettere un inverter esterno ,perché penso che lo abbia incorporato , mi puoi ricordare il nome? grazie di nuovo
    da Stefano

    Rispondi
    • Ciao Stefano,
      non sono a conoscenza di questi pannelli, ti sconsiglio comunque una tale soluzione, poiché se l’inverter si rovina, dovrai poi cambiare anche il pannello 😉

      Alla prossima!

      Rispondi
  23. Ciao
    sto seguendo questo blog ed a tempo perso vorrei provare a fare qualcosa.
    Volevo chiedere: ma con questa guida si puo’ anche fare un impianto da 3 kw per una casa?

    Se si, piu’ o meno, quanto sarebbe la spesa finale di tutti i materiali?

    Inoltre, dovrei sempre sbrigare tutte le pratiche burocratiche oppure essendo una cosa fai da te potrei andare tranquillamente avanti senza che magari un domani un qualche ente viene a chiedermi soldi?

    Infine, potrei riuscire a staccarmi totalmente dall’azienda che fornisce l’elettricita’?

    Rispondi
  24. Ciao Giorgio intanto complimenti per le informazione che ci dai ,volevo capire due cosette su come acquistare l’impiantino fotovoltaico ad isola la differenza tra acquistare un pannello da 250W Vmpp 30,5V da 8,2A € 190,00 e lo collego al regolatore e batteria oppure comprare 4 pannelli tecnologia Amorfa da 75W Vmpp 67V da 1.12 A € 150,00 quindi collegato in parallelo se non sbaglio sempre per Vmpp 67V per una somma di 4.48 A ma con una superficie radiante maggiore quale migliore tra i due?.
    2° domanda con i regolatori di carica ad isola con Tensione massima input PV di 100V significa che posso collegare pannelli con tensione inferiore a questa tipo quelle menzionate sopra ma quando parla di Potenza massima input PV sono vincolato ai W alcuni regolatori nelle caratteristiche hanno un valore di potenza a 12V 200W a 24V 400W e un valore vincolato se il carico lo prendo dal regolatore? se si, io posso collegare il carico direttamente alle batterie tramite un quadretto di controllo ? grazie per la risposta ti seguirò per le info che dai ciao

    Rispondi
  25. ciao, sono Fabio abito in zona di Milano, mi potresti dare un consiglio: vorrei utilizzare il fotovoltaico per far funzionare una stufetta da poche centinaia di watt è possibile?
    grazie
    Buona giornata

    Rispondi
  26. David scrive:
    Il tuo commento è in attesa di moderazione
    22 febbraio 2014 alle 13:43
    Buongiorno, sto progettando il mio impianto fotovoltaico, per avere un idea dei costi, e fino ad ora credo di essere a buon punto. Premetto che le informazioni x i dimensionamenti li ho recepiti in internet, quindi non sono certo che i procedimenti e quindi i calcoli, siano esatti:

    PROGETTO DI UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO STAND ALONE, PER GARANTIRE NEL MESE DI DICEMBRE UN ASSORBIMENTO DI 30W PER 18 ORE CONSECUTIVE.

    30W x 18ore = 540 Wh

    Tramite un progamma online procedo al calcolo dell’ irraggiamento in base alla mia posizione geografica e rilevo i dati di irraggiamento giornaliero al mq, nei 12 mesi, e prendo il valore più basso dell’ irraggiamento al mq nel mese di dicembre, che nel mio caso equivale a 1,95 kWh/m2

    540 Wh / 1, 95 kWh/m2 = 276,92 Wp ( consumo giornaliero/dato tabellato di irraggiamento giornaliero nel mese di dicembre)

    276,92 Wp / 0,6 (potenza richiesta/ rendimento impianto stand alone)

    MODULI IPOTIZZATI:

    http://www.ebay.it/itm/Kit-490W-108-celle-solari-6-x6-3BB-Mono-tipo-A-/231158341089?pt=Generatori_di_Corrente&hash=item35d21c5de1

    3 moduli x 36 celle a modulo x 4,5W = 486W collegati in parallelo
    Sup captante: 0,156 m x 0,156 m x 36 celle a modulo = 0,88 mq a modulo x 3 = 2,64 mq

    DIMENSIONAMENTO BATTERIE

    consumo medio giornaliero di 540 W
    Autonomia richiesta di 3 giorni consecutivi

    540 W / 24 = 22,5 Ah x 3gg = 67,5 Ah

    Percentuale massima di scarica della batteria 65%
    Capacitá totale richiesta:
    67,5W/0,65 = 103,84 Ah

    Domande:
    -Se uso solo una batteria da 100 Ah rischio di andare in sovraccarico nei mesi estivi giusto?

    Sono graditi correzioni e consigli soprattutto

    Rispondi
  27. Ciao, ho guardato attentamente il vs. tutorial su come costruire un pannello fotovoltaico e la cosa mi ha preso molto perchè è spiegato molto bene e con semplicità. Io ho un ottima manualità ma una totale ignoranza in materia per cui vorrei esporvi prima la mia necessità e poi farvi qualche domanda.
    Vorrei costruirmi un impianto di 3kw. per l’uso domestico normale ma avendo un piccolo laboratorio casalingo di ceramica e scultura, ho necessità ogni tanto di usare il mio forno per ceramica che consuma 3kw. e deve rimanere acceso almeno 12 ore per una cottura completa. Queste le mie esigenze. Ora vi chiedo:
    Quanti pannelli dovrei costruire( e di che formato) per coprire un impianto da 3Kw/h per la casa.
    Sono necessari altri 3kw. per usare il forno ? E se si, potrò, quando il forno è inattivo vendere l’energia in eccedenza? Come?
    Fortunatamente ho un terrazzo molto ampio sul quale posso montare una pensilina per inserirvi i pannelli.
    Tutto questo sperando che l’impresa non mi costi molto.
    Grazie ed aspettatevi altre domande 🙂
    Nicola

    Rispondi
  28. Buonasera, vorrei una informazione tecnica: e possibile prelevare corrente direttamente dal pannello solare ingresso all’inverter e portarla direttamente all’utenza. Per evitare listallazione del pacco batterie. Grazie

    Rispondi
  29. Salve a tutti ! Io sto cercando di studiare il modo di farmi una sorta di impianto ad isola fai da te …

    Ho recentemente acquistato un inverter della Max power da un kilowatt in uscita ad onda pura !

    Al principio l’idea era trite questo inverter ( sempre collegato alla presa di rete ) di utilizzarlo come ups ; in quanto al mancare della tensione di rete switcha sulle batterie in meno di 10ms mantenendo il 230v in uscita del l’inverter ….

    Ora : con questo inverter mi piacerebbe fare in modo che di notte ( con batterie cariche ) riesco ad utilizzarle senza usufruire la tensione di rete … E di giorno utilizzare l’energia dei pannelli ma chiaramente SOLO se fa bello … Altrimenti switch arr. Sulla tensione di rete ) …. Spero di essermi spiegato …

    Ps: l’inverter in questione fa anche da carica batterie !

    Pps: ho un carico in uscita dal l’inverter di C.a 300w quindi ho pensato per star tranquillo di avere un 300ah di batterie ….

    Qualcuno ha consigli ? GRAZIE

    Rispondi
  30. ciao a tutti mi potete aiutare?
    .
    ho un timer analogico theben SUL 188G 220V , CHE CONSUMA 0,5W E UNA RISERVA DI CARICA DI CIRCA 3 GIORNI,
    .
    Ho staccato la batteria interna ricaricabile da 1,2v ed ho collegato una batteria esterna da 1,2v ricaricabile da 2600ma.
    .
    Ho collegato due pannellini solari (da giardino) in parallelo che erogano 4,8v ciascuno sulla batteria (ovviamente con dei diodi per ridurre la tensione fino a 1,5v)(e per non far tornare indietro la corrente dalla batteria di notte), di giorno il timer funziona regolarmente ma la batteria dura solo 24 o 36 ore, (quindi presumo che di giorno non si carica abbastanza per poter alimentare di notte il timer).
    .

    Come posso fare per alimentare il timer e contemporaneamente caricare la batteria?(senza fare circuiti sofisticati).
    .
    Ho a disposizione: due pannellini solari che erogano 4,8v – una batteria ricaricabile 1,2v di vario amperaggio(1500 -2600-3800ma)
    E un timer che staccato dalla rete(220v) funziona a 1,2v .

    Ti ringrazio anticipatamente

    Rispondi
  31. per realizzare un impianto che mi dia almeno 500w in uscita su 220v mi dici per cortesia quanti pannelli dovrei costruire e se puoi i materiali occorrenti.sono un autodidatta di napoli.lavoro in un negozio di materiale elettrico da ben 37 anni .

    Rispondi
  32. Ciao,
    cercando un regolatore di carica per il mio impianto fotovoltaico (2 pannelli da 48 celle 6*6″ per un totale di 350W – batteria 100AH) mi sono imbattuto in questo MPPT da 30A che rispetto agli altri regolatori della astessa fascia costa molto meno (http://www.ebay.it/itm/MPPT-30A-LCD-Solar-Laderegler-Photovoltaik-12V-24V-fur-Solarpanel-/261269580950?pt=Solaranlagen&hash=item3cd4e16c96)
    secondo voi è un buon regolatore anche se di marca ignota? oppure potrebbe contenere componentistica scadente e quindi pericolosa?
    Grazie 🙂

    Rispondi
  33. scusa dimenticavo, quando mai si arriva allo scopo la durata delle batterie dell’inverter del regolatore quanto durano? conviene? o e una spesa continua grazzie anticipate.

    Rispondi
  34. salve e complimenti:

    io avrei due pannelli da 250 w un regolatore di carica da 30 A, l’inverter e da comprare.
    domanda: per sfruttare a massimo sti pannelli che batteria devo mettere?

    Rispondi
  35. se mi costruisco un impano senaza connetterlo alla rete e quindi senza autorizzazioni che rischio ? in che sanzioni vado incontro?
    posso farlo regolare anche se non mi interessa gli incentivi e non voglio allacciarlo alla rete?

    Rispondi
  36. Posso utilizzare un regolatore di carica 12v per alimentare direttamente un motorino (ventola di aspirazione) senza usare una batteria ? Non mi interessa che la ventola funzioni sempre. Mi basta che funzioni quando c’è luce sufficiente.

    Grazle,

    Luigi Loizzo

    Rispondi
  37. come poter alimentare tutto o parte dell’impianto di casa con la corrente dall’inverter dell’ f.v. ( o dell’accumulo) senza rischiare che per qualunque motivo passi dal contatore enel (dal neutro) e che quindi sia fatta pagare come prodotta da “loro”?
    Cosa installare fra il contatore ed il quadro per poter (quando opportuno e possibile) staccare il contatore -e quindi non avere il rischio di cui sopra- e poter tenere il circuito elettr. di casa “chiuso” (corrente libera di passare) con i protettori magnetot. e diff. efficenti ma alimentato dall’f.v -inverter-?
    Mi scuso per eventuali inesattezze.
    Grazie.
    M. Cambi

    Rispondi
  38. gentile sig. Giorgio, grazie innanzitutto per aver risposto al mio quesito della scorsa volta, in base alla sua osservazione e a delle altre ricerche effettuate, ho deciso di strutturare la cosa diversamente, ovvero:
    installazione di motore ibrido (diesel-elettrico), di seguito le segno il link del motore che avrei pensato d’installare sul motore diesel: http://www.gbtec.it/index.php?route=product/product&product_id=56
    quindi i pannelli mi occorrerebbero solo per un aiuto alla ricarica, in quanto, quando è avviato il motore diesel il motore elettrico funge da generatore per la ricarica.
    Portebbe gentilmente cionsigliarmi su un paio di punti? ovvero:
    meglio 4 batteria da 12v o 8 da 6v? avrei pensato ad almeno 200a
    poi inoltre avendo una superfice da circa 2mt x 8mt circa, che e quanti pannelli mi consiglia?
    Spero di aver reso l’idea del progetto non essendo troppo ferrato e quindi avendo poca conoscenza dei termini tecnici.
    Grazie ancora e buona domenica

    Rispondi
  39. Salve
    Ho trovato la tua guida dettagliata su come costruirsi un impianto fotovoltaico stand-alone.
    Vorrei costruirmi un piccolo impianto fotovoltaico dato che possiedo 3 moduli fotovoltaici di circa 200w ciascuno.
    I moduli in questione hanno queste caratteristiche
    Modulo 1 Misura effettiva 203.27W
    Impp 7.17
    Vmpp 28.33
    Modulo 2 Misura effettiva 204.11W
    Impp 7.36
    Vmpp 27.74
    Modulo 3 Misura effettiva 203.83
    Impp 7.35
    Vmpp 27.74
    Se non ho fatto male i conti in questo modo ottengo un impianto di circa 600W dato dalla formula (7.17 x83.81 = 600.91) in cui 7.17 e la corrente
    più bassa tra i 3 moduli e 83.81 e la somma delle tensioni.
    Vorrei sapere se posso usare il regolatore di carica 12-24V 10A e dunque collegare i moduli in serie.
    inoltre vorrei sapere se una batteria da 105ah va bene
    e se un inverter dc/ac 12-24V da 300W va bene dato che voglio alimentare 5 lampade a led e una tv da 92w e qualche altro utilizzatore per qualche oretta a settimana.
    Ti ho dato questi valori perche oltre ad avere i moduli possiedo già l’inverter e la batteria che sono quelli sopracitati
    L’unica cosa che devo acquistare è il regolatore di carica.
    Sarei felice di ricevere tue notizie in merito a questo impianto..qualsiasi cosa stia sbagliando dimmela pure..
    Ringraziandoti anticipatamente per il tuo aiuto spero mi risponderai presto.

    Rispondi
  40. salve, sono rimasto molto colpito da questo blog, a tal punto da voler provare un esperimento, io vivo su un isolla ed ho costruito una barca con vetri per guardare i fondali, dato che l’isola è circondata da un Area Marina Protetta, stavo pensando di montare un motore elettrico con tanto di pannelli, le caratteristiche del motore sono le seguenti:
    Specifiche generali

    Capacità fornita 20 kW
    Regolatore di tensione 96 V
    RPM mass. 1450
    Ah richieste per 3/4 ore navigazione 56 kWh
    Ah richieste per 6/8 ore navigazione 92 kWh
    Tecnologia del motore asincrono
    Lei potrebbe darmi qualche aiuto e/o sugerimento per progettare l’impianto fotovoltaico, io ho già reperito dei siti per l’acquisto di batterie e pannelli.
    Spero che la mia richiesta sia fattibile, resto in attesa di un cortese riscontro.
    Grazie e buon fine settimana

    Rispondi
    • Ciao Giovi,
      congratulazioni per la tua bellissima idea,
      purtroppo il motore che hai scelto da 20KW di potenza richiede molti pannelli…
      con 20KW di potenza del motore avresti una corrente assorbita di 208A (20KW/96V)
      produrre tale potenza con i pannelli è fattibile non ho capito se vuoi installare i pannelli direttamente sulla barca, perché in tal caso avresti che prendendo pannelli da 250Watt, dovresti installare sulla barca 20KW/250W= 80 pannelli…ergo dovresti installare i pannelli fuori bordo.
      Ti auguro una buona progettazione 😉
      Giorgio

      Rispondi
  41. Ciao Mi chiamo Elisabetta sto tentando di costruire il mio impianto fotovoltaico domestico.
    Ho quasi tutto il materiale
    In pratica possiedo :
    Un pannello fotovoltaico da 105 w
    Un regolatore di carica MPTT 10A
    Un inverter kema 12V 150 W
    una batteria suggerita BDS 12V 40Ah
    con questo materiale ci dovrei far funzionare :
    un faretto a led molto piccolo perche l’ambiente e piccolo ,
    due barre a LED IP 22 12V luce bianca fredda
    un motorino di una piccola fontana con riciclo di acqua .
    La mia domanda è : Come li collego tutti questi strumenti insieme ?
    so che mi servono dei cavi e so gia la misura i cavi sono del 6
    ma cosa devo comprare per collegarli fra di loro .
    Il pannello e munito di collettori e poi che faccio ????
    Grazie a chiunque voglia darmi una mano

    Rispondi
    • Ciao Elisabetta,
      hai ragione, dovrei finire la guida con lo step finale di collegamento tra tutti gli elementi dell’impianto,
      il tempo è sempre poco..
      Intanto dall’immagine seguente dovresti a grandi line intuire i vari collegamenti.
      Schema impianto fotovoltaico fai da te
      Tieni presente che se utilizzi LED a 12V ti conviene collegarli direttamente al pacco batterie, quindi se i LED hanno un alimentatore ti conviene tagliare il filo e collegare i LED direttamente alle batterie.
      Per collegare i cavi ti servono un paio di forbici con cui spellerai i fili, del nastro adesivo isolante per avvolgere i collegamenti.
      Se gli altri dispositivi sono a 12V fai come ti ho suggerito per i LED altrimenti utilizza l’inverter alle cui uscite collegherai i rispettivi dispositivi. Spero prossimamente di aggiornare l’articolo con nuovi ed utili contenuti.
      Buona costruzione Elisabetta,
      Tienimi informato,
      Giorgio

      Rispondi
  42. ciao e complimenti x il tuo blog,
    vorrei realizzare un impianto sul mio tetto a falda ben esposto a sud in puglia.
    Il mio scopo e di distaccarmi del tutto dall’enel quindi crearmi i 3 Kw di potenza un pannello x volta.
    Visto che devo acquistare i kit x autocostruzione dei pannelli potresti consigliarmi:
    Che tipo e quanti pannelli ?
    Che tipo e quante Batterie ?
    Che tipo di inverter ?
    Che tipo di regolatore?
    p.s. :inverter e regolatore posso essere gli stessi per quando avro’ tutti i pannelli.
    SEMBRA UNA MISSIONE IMPOSSIBILE MA CON IL VS AIUTO C’è LA FARO’
    un saluto a tutti

    Rispondi
  43. Salve e complimenti,
    Volevo chiedere se possibile uno schema per la costruzione fai da te per un impianto che mi manda avanti la pompa di depurazione della piscina cioè un impianto di circa 2 kw di potenza… grazie!!!

    Rispondi
  44. ciao,finalmente trovo risposta a molti miei quesiti su un impianto fotovoltaico fai da te,grande!
    volevo farti una domanda: è possibile realizzare un impianto(solo linea luce) dove,causa il tempo avverso la produzione non sia sufficente a darmi continuità nelle ore notturne o causa manutenzioni sull’impianto posso ritornare all’alimentazione “classica” tramite un commutatore che mi escluda il fotovoltaico?

    Rispondi
  45. Ciao vorrei seguire la tua guida per coprire il tetto del mio piccolo studio professionale. La falda esposta a sud e che potrei utilizzare è di circa 20 mq. Non mi interessa quanto riesco a sostituire l’Enel, penso che qualche vantaggio, arrivando a coprire tutto, lo trarrò sicuramente ! Il problema è che non ho la possibilità/disponibilità di poter effetuare la spesa tutta in una sola volta. Vorrei chiederti: la tua guida si presta a poter incrementare pian piano l’aggiunta di eventuali altri pannelli ? O forse certe cose, tipo gli apparecchi aggiuntivi ai pannelli, andrebbero a questo punto già pensati in virtù della copertura totale del tetto, giusto per non dover ripetere la spesa ? Grazie.

    Rispondi
  46. Buonasera, tante grazie per tutte queste informazioni. una domanda:
    Io sto costruendo casa a Carovigno (Brindisi) e mi servirebbero più o meno 4,5 kw in casa. È possibile riuscire ad averli con questi pannelli??? Da cosa dipendono i kw??? Se si cosa dovre Fare???
    Ti ringrazio tantissimo!!!!!

    Rispondi
    • Ciao Andrès,
      un impianto da 4,5KW è un impianto molto grande, impiegando pannelli policristallini da 38 celle 6×6 pollici da 4Watt a cella, avresti circa 150Watt per pannello, quindi per avere i tuoi 4.5KW dovresti impiegare ben 30 pannelli.
      Ti consiglio se non hai ancora esperienza nel settore del fotovoltaico fai da te, di iniziare con un pannello di prova. Inoltre, con 4.5 KW dovrai utilizzare degli opportuni inverter.
      Le potenze da te richieste esulano comunque dagli scopi di questa guida, che ricordo essere diretta alla costruzione di pannelli fai da te di più piccole dimensioni e potenze.
      A presto,
      Giorgio

      Rispondi
  47. ciao,possiedo n 3 panelli solari da wtt 210 per un totale di wtt 630 collegati in serie,quale inverter posso mettere per caricare le batterie.
    io ho trovato un inverter Eaton da kw 3300 per 150 euro nuovo fuori produzione dal 2012 cosa ne pensi per un inpianto a isola.

    Rispondi
  48. Ciao,vorrei un consiglio su come realizzare un impianto fotovoltaico con queste caratteristiche : ho un terreno agricolo con un pozzo e una pompa 220 volt -kw 0,75 hp 1. Più 7 neon da 20 watt l uno. Vorrei staccarmi completamente dalla rete perché pago da € 55,00 a € 65,00 circa per bolletta ( 3kw). Utilizzando la pompa 5-10 minuti al giorno e le luci ancora meno e solo nei mesi invernali. Premetto che l acqua mi serve per gli animali vorrei un impianto che mi consenta tranquillamente di avere una ” scorta di energia” in caso di pioggia o brutto tempo . Ringraziandovi anticipatamente vi saluto.

    Rispondi
  49. vorrei chiedere e ringrazio fin da ora, se ho 20 pannelli da 12v e li collego in serie ha una corrente continua di circa 240 volt, COSA DEVO METTERE PER AVERE LA 220 ALTERNATA CON 50 HERTZ? grazie

    Rispondi
  50. Salve,

    vorrei realizzare un impianto fai da te seguendo le guide del sito.
    al di la di questo, avrei una domanda:

    realizzando una base motorizzata orientabile sui 2 assi (attraverso motori passo passo, sensori di luce e una logica arduino) quanto sarebbe l’incremento circa del rendimento? (abito a roma, consideriamo un’esposizione piena, stile tetto di grattacielo)

    non parlo di costi, ma solo di energia ricavata dal pannello

    grazie mille e complimenti per il sito.

    Rispondi
  51. luigi secondo me l’iverter va bene il problema è le batterie
    la lavatrice quando scalda l’aqqua di solito assorbe circa 2000W quindi cirva 150 ampere tieni presente che alle batterie al piombo è sconsigliabile dare un carico che supera il 10% dovresti mettere un numero tale di batterie che in totale superi le 1500 ampere, onde evitare di bruciare le batterie

    Rispondi
  52. Salve ho visto che questo sito è molto interssante grazie Giorgio per quello che fai, volevo chiederti (permettimi il tu) io ho realizzato un impianto come tu hai descritto con dei pannelli solari dismessi cioè li dovevano distruggere perchè penso che dai 24v in origine ora danno 18 volt, all’inizio usavo dei inverter comprati da bancarelle, sono tutti bruciati perchè non avevo regolatori di carica, ora ho comprato un regolatore di carica e un inverter tramite internet, e vedo che vanno bene, premetto che ho trovato due batterie di camion che ho messo in parallelo, vorrei chiederti per poter far funzionare la lavatrice o una bedoniera cosa devo mettere, cioè quale regolatore di carica e quale inveter comprare? ho visto degli inverter da 2000W fino a 4000w ad onda moidificata possono andare bene? grazie grazie saluti

    Rispondi
  53. siccome dispongi di diverse battaeria vecchie ma funzionanti mi srvirebbe
    l pannello fotovoltaico ad alta efficiènza
    il regolatore di carica
    l’inverter

    Rispondi
  54. vorrei relizzare un impianto per far funzionare due pc ma ho poco spazzio per mettere i panneli dispongo di un piccolo terrazzo esposto a sud mi servirebbero pannelli ad alta efficienza dove li posso trovare a prezzi raginevoli grazie

    Rispondi
  55. Grazie per l’ augurio di un buon giorno.
    la tua opera è importante e imponente per il volgo come me che non ha grandi possibilità economiche e che è un gran bricoleur ti seguirò e resterò in attesa , in un impianto ad isola ,al momento del dimensionamento tra batterie e inverter (ne ho acquistato uno in Germania da 5000w ad onda sinusoidale pura (di produzione cinese) visto che in Italia non sono riuscito ad avere dei prezzi ,tutti vogliono darti l’impianto chiavi in mano .
    Scusa per lo sproloquio starò attento alle tue pubblicazioni .
    Salutoni
    Giuseppe

    Rispondi
  56. Gent.mi ho letto il vs articolo ,Come costruire un impianto Fotovoltaico fai da te.
    Purtroppo alla fine della lettura la mia delusione è stata estrema…. non uno schema spiegato nei dettagli…mi sembrava di essere in Parlamento dove si chiacchiera a vanvera del più e del meno,senza arrivare ,anzi sino ad arrivare ad una Italia come quella che stiamo lasciando ai nostri figli.
    Cosa dovrei e/o a chi posso rivolgermi.per poter cominciare ,senza troppe chiacchiere e giri di parole inutili,a REALIZZARE qualcosa di funzionante ed economico non parolone vuote alla politichese.
    Mi sono lasciato coinvolgere nel Parlamento.
    Nella attesa di una VS ringrazio e saluto

    Giuseppe

    Rispondi
    • Gent.mo Giuseppe,

      mi fa molto piacere che hai letto la mia guida, ed accetto ben volentieri le tue critiche.

      Questa guida è in corso d’opera come ben puoi vedere, finora ho spiegato come progettare il sistema fotovoltaico, dimensionamento, etc.., come costruire un pannello fotovoltaico, come collegare più pannelli e dimensionare i cavi elettrici.

      Poiché il progetto non è ancora finito poiché manca il collegamento con il regolatore di carica alle batterie e connessione dell’inverter (sto cercando aziende/negozi che vorrebbero sponsorizzare i loro prodotti in questa guida per autofinanziarmi e rendere il mio progetto sostenibile) ti invito a seguirmi sia sul blog che su facebook e twitter dove sarai prontamente aggiornato sull’avanzamento del mio progetto 😉

      Mi spiace di essere stato comunque paragonato al Parlamento, luogo in cui si discute ma che poi realmente non risolve molti problemi.

      Con questo blog ho cercato invece di spiegare molte cose il più semplicemente possibile, progettare e creare idee nel modo più ecologico e sostenibile possibile.

      Questa guida per me ha richiesto enormi sforzi, tempo e lavoro, e credo già con la sola costruzione del pannello fotovoltaico di essere riuscito a raggiungere un primo traguardo importante per tutte le persone interessate ad avere una fonte di energia rinnovabile ad un bassissimo costo.

      Spero che la nostra Italia si risvegli molto presto, e che le tecnologie si evolvano sempre più in rispetto della Natura, che le menti delle nuove generazioni crescano con la coscienza forte delle problematiche ambientali ed energetiche.

      Con questo concludo augurandoti una buona giornata Giuseppe,

      un saluto,
      Giorgio

      Rispondi
  57. … continua la sperimentazione di installazione. Per adesso, ha abbandonato l’idea di utilizzare un ups ( me la riservo, per un’utilizzo futuro, per collegarci un piccolo frigorifero, dato che la tnsione è a 220 volt). Ho collegato ai pannelli, un regolatore di carica, e per l’utilizzo, collegati ad una batteria di auto, uso delle lampadine a 12 volt, due a luce calda, e due a luce fredda…. funzionano egregiamentee e la bateria non sembra che ne soffra. Nell’impianto, ho predisposto due prese per accendisigari di auto, in questo modo, vorrei collegarci un’autoradio e il pc con relativo adattatore da 12 a 18,5 volt. ancora non ho calcolato l’ingresso in ampher, ma conto di farlo al più presto, volendo aumentare il numero di pannelli in uso. La domanda per adesso è : come posso collegare più batterie? Il regolatore di carica, ha un carico massimo di 11 ampher …. Grazie

    Rispondi
    • Ciao Gianni,

      sono molto contento che il tuo progetto stia andando avanti 😉

      In ingresso al regolatore di carica potrai massimo far scorrere 10 Ampere erogati dai pannelli.

      Per quanto riguarda le batterie se vuoi fare un sistema interamente a 12 Volt le dovrai collegare tutte in parallelo (posto che ogni batteria sia a 12V).

      Aspetto i tuoi prossimi passi,

      A presto!

      Rispondi
  58. Abito in campagna, e la rete elettrica normale, non esiste. Ho sopperito al bisogno di energia, con vecchi accumulatori caricati in paese con caricabatterie . Ultimamente mi hanno regalato una serie di pannelli solari utilizzati in una azienda agricola… su 10 pannelli, ne funzionano soltanto 7.. li ho collegati, ma per adesso soltanto due. per l’utilizzo, ho intenzione di utilizzare come inverter, un vecchio gruppo di continuità per pc, usato pochissimo …. volevo sapere se si potrebbe modificare l’ingresso della tensione invece che a 220 ma a 12 volt .. collegandolo ai pannelli . Per la luce, utilizzo lampadine fluorescenti da 12 volt. ma avrei anche intenzione di collegarci un pc tramite una presa femmina per accendisigari di automobile . Un cordiale saluto

    Rispondi
    • @Gianni

      dovresti applicare un regolatore di carica tra i pannelli fotovoltaici e la batteria presente nel tuo gruppo di continuità. Per modificare la tensione del gruppo di continuità la vedo una cosa inutile, di seguito ti spiego il perché…

      Quello che ti consiglio di fare è di utilizzare come ti ho spiegato il tuo gruppo di continuità, collegandolo al computer, stampante e modem di casa. Mentre per l’illuminazione potresti attaccarti direttamente in parallelo alla batteria dell’ups. Verifica la capacità delle batterie all’interno del tuo ups, perché sono dimensionate per tenere acceso un computer solo per pochi minuti, quindi dovrai sicuramente pensare di attaccare in parallelo o sostituire con batterie di più alta capacità.

      Buona progettazione!

      Rispondi

Lascia un commento