Costruzioni Eco-Sostenibili: Ecco a Voi la Casa Passiva!


Link sponsorizzati

Tutto quello che c'è da sapere sulla costruzione di una casa passiva con bassissimi consumi energetici, dall'elevato risparmio energetico.
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Solo 100 euro all’anno di consumi energetici?

Solo con una casa passiva!

Ad un anno dalla sua costruzione, la prima casa passiva in legno Classe Oro Plus della Lombardia è stata sottoposta dall’agenzia CasaClima ad una serie di test che ne hanno rivelato il bassissimo consumo energetico.

Si tratta di circa 100 euro complessive per riscaldamento e raffrescamento, una cifra realmente irrisoria se confrontata con quanto siamo costretti solitamente a sborsare per i consumi di una casa normale.

Ma com’è stato possibile possibile ottenere questo risultato?

Grazie ad una progettazione che ha concentrato l’attenzione sui materiali e su ogni singolo componente dell’involucro.

La villetta indipendente di tre piani di Fagnano Olona (Varese) occupa una superficie di 600 mq di cui 375 abitabili ed è circondata da un ampio giardino con patio in legno e una piscina. Al posto delle tegole il tetto è adornato da un giardino pensile di piante grasse.

Quali sono le fonti di energia che vengono sfruttate per riscaldarla e tenerla alschema casa passiva fresco? Prevalentemente quelle naturali, come il calore passivo derivante dagli occupanti, dagli elettrodomestici in funzione e dal sole che penetra attraverso le finestre rivolte verso sud.

Ma non è tutto.

Alcuni fondamentali supporti provengono dall’energia elettrica prodotta attraverso un impianto fotovoltaico di 10kw e dai pannelli solari per il riscaldamento dell’acqua.

Mentre un sistema geotermico verticale aiuta la pompa di calore a riscaldare gli interni in inverno e raffreddarli a costo zero nel periodo estivo.

nuove costruzioni ecosostenibili casa passiva

I test effettuati da BLM Domus, la divisione del Gruppo Bevilacqua che ha progettato l’abitazione, hanno riguardato l’ermeticità e la termografia.

Per quanto riguarda il primo, grazie ad immissione ed estrazione di aria all’interno dell’abitazione, i locali vengono messi in pressione/depressione per ottenere valori che se mantenuti sotto lo 0,6 sono garanzia di buona tenuta ermetica.

Per il secondo è stato l’utilizzo di una termocamera che ha rilevato come le temperature superficiali rientrassero negli standard (sempre al di sopra dei 17° in qualsiasi punto dello spazio abitato).

Sono state inoltre raccolte informazioni sull’abitazione e sul clima esterno attraverso una stazione meteo fissa.

Ciò ha permesso di rilevare che in inverno, durante i 180 giorni di riscaldamento, la temperatura media di 20° è stata mantenuta per il 98% grazie al calore passivo e per il 2% con l’utilizzo della pompa di calore.

Mentre in estate, la temperatura media interna di 23° è stata ottenuta soltanto attraverso le fonti passive.

Tutti i test e le rilevazioni hanno avuto esito positivo e hanno confermato quanto gli intenti dei progettisti siano stati centrati: esigui esborsi per i consumi a fronte di un elevato risparmio energetico nel rispetto dell’ambiente.

casa passiva ecoglobo

© Riproduzione riservata


  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares
  •  
    2
    Shares
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Articoli selezionati per te:

Condividi qui la tua esperienza:

2 Commenti

  1. Loris Buccolini 3 Gennaio 2014
  2. Alfredo 19 Maggio 2013

Scrivi qui sotto il tuo commento: