Stand-by a Consumo Azzerato grazie ad un semplice Chip Ecologico!


Link sponsorizzati

E' in arrivo dal Giappone un chip in grado di azzerare tutti i consumi dovuti allo stand-by dei nostri dispositivi di casa.

Link sponsorizzati

Chip che azzera lo stand by

Ne abbiamo parlato già in alcuni articoli passati, lo stand-by ovvero tutte quelle lucine accese nei nostri dispositivi di casa, come televisori, lettori dvd, stereo che consumano corrente nonostante il televisore sia spento.

Un team di ricercatori giapponesi dell’università di Tohoku ha progettato un chip ecologico in grado di ridurre a zero i consumi dei nostri elettrodomestici in stand-by.

Come Funziona il Chip Ecologico?

Il funzionamento di questo chip si basa sull’utilizzo di magneti e dei così chiamati spintronics che permettono la memorizzazione delle informazioni negli spin degli elettroni e non più direttamente negli elettroni stessi.

Il chip “ecologico” avrà sicuramente nel futuro applicazione in tutti i nostri principali dispositivi elettronici.

Se al momento riuscissimo ad installarlo in tutti i dispositivi di casa, andremo ad azzerare in media il 10% del consumo energetico di una casa media.

La Nec stima risparmi ancora maggiori pari a circa il 25% se il chip verrà adottato anche nei data center, ovvero i centri di elaborazione dati, in cui lo stand-by è molto spesso ricorrente.

chip stand-by

Il chip miracoloso è ancora non è del tutto pronto, e sarà presentato sul mercato entro il 2015, perciò in attesa del suo arrivo non ci resta che adottare uno stile di vita rispettoso dell’energia, e quindi seguire i consigli di spegnere tutti i dispositivi elettrici nella nostra casa prima di uscire o di andare a dormire.

Un valido aiuto alla nostra pigrizia viene dalle ciabatte provviste di un interruttore con cui potremo “staccare” tutti i dispositivi collegati.

Sono curioso di sapere cosa ne pensi riguardo a questo nuovo chip, puoi scrivermi liberamente il tuo punto di vista qui sotto.

Alla prossima,

e buon risparmio energetico a tutti!

© Riproduzione riservata

Articoli selezionati per te:

Condividi qui la tua esperienza:

Scrivi qui sotto il tuo commento: